RACCONTI MIGRANTI

Questa pagina vuole essere il luogo in cui chiunque abbia avuto esperienze dirette o indirette di migrazione racconti la propria storia. MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI  è impegnata nella raccolta e diffusione dei racconti migranti.
If you want to work with this blog, send an email to: minoristranierinonaccompagnati@gmail.com . The blog has no funding and can not pay your jobs


VUOI COLLABORARE?
Ogni contributo (TESI, ARTICOLI, SEGNALAZIONI, PROGETTI, IDEE, ECC.) pervenuto sarà messo all'attenzione della redazione e , previo esame del responsabile, troverà la massima visibilità sul blog seguendo i normali tempi di pubblicazione.

il blog non ha alcun finanziamento e non può pertanto retribuire i vostri lavori.


______________________________________________________

IL VIAGGIO DI JERREH
Uno zaino sulle spalle. Qualche risparmio nascosto nelle mutande. Pane secco, zucchero e burro di arachidi. Jerreh ha 16 anni quando lascia la sua famiglia, in Gambia, in cerca di una vita migliore.E'un racconto davvero prezioso, di un ragazzo speciale che ha deciso di raccontare la sua storia perchè "conoscere è il miglior vaccino al razzismo".





La Storia di Feben e Lem Lem

Feben e Lem Lem hanno rispettivamente 16 e 18 anni, sono sorelle, erano insieme mentre attraversavano il fiume Tezeke al confine con il Sudan dentro un contenitore tirato da una corda, nell’acqua c’erano molti coccodrilli. Racconta Feben “Una volta in Sudan i trafficanti del posto ci hanno portati in Libia vicino a  Bengasi e ci hanno rivendute per 1,700 dollari a testa agli altri trafficanti che organizzavano la traversata del mare per la quale abbiamo pagato 1.800 dollari ciascuna. Abbiamo aspettato un mese rinchiuse prima di imbarcarci, e poi in mare eravamo sospese tra la vita e la morte, il motore del barcone si è rotto e tutti gridavano forte, ci stringevamo, pregavamo, pesando a nostro fratello che è in Inghilterra. Vogliamo raggiungerlo ma non sappiamo come fare. I nostri genitori sono in Eritrea, insieme ad un’altra sorella e ad un fratello, non abbiamo notizie di loro, non sappiamo se partiranno dopo di noi. Nessuno vuole lasciare il proprio Paese, non lo auguro a nessuno, mi vergogno per averlo fatto e aver perso ogni dignità, ma voglio studiare, diventare un avvocato e difendere i diritti umani.”

I ragazzi in fuga dai talebani. Da Kabul al valico del Tarvisio 


Borderline, viaggio in sei video sulle frontiere europee più usate dai migranti

SULLA PELLE DEI RIFUGIATI BAMBINI

Italiens usynlige flygtningebørn

L’esodo degli invisibili

Schiavi d'Egitto L'inchiesta di Laura Bonasera a Guidonia. Nel più grande mercato ortofrutticolo d'Italia lavorano a nero minori egiziani accolti nelle case famiglia, per pagare il viaggio al trafficante

Centro A28: l’accoglienza dei minori diventa racconto


Yemi, la storia del ragazzo rannicchiato in un angolo di una stanza senza finestre

La storia di Mahmoud

A 12-Year-Old’s Trek of Despair Ends in a Noose at the Border

Testimonianze Minori Stranieri non Accompagnati - report MEDU

Da minore straniero non accompagnato a manager nella City a Londra: la storia di Paul, che ora cerca la famiglia che lo ha ospitato in Francia e accolto clandestinamente.



Italy Sends Kids Back to Bad Conditions in Greece



Cold and confused – a US detention story





Detention by any other name – Carolina’s US detention story



Separated and scarred – a story of Mexican detention


In SA, safeguards in the law fail to be practiced




Minderjährige Flüchtlinge in Deutschland und Europa



CHILD MIGRANTS DETAINED IN MALTA


Ali and Khan detained in Greece


Ali and Khan both fled their home country of Afghanistan and arrived as minors to the harsh reality of immigration detention in Greece. As asylum seekers, they both spent time in Greece’s notorious Pagani Detention Centre. The young boys lived in cramped, dirty conditions with minimal facilities. Khan considered himself lucky to be released in 10 days when some of the boys in Pagani were detained for two or three months: “It was like a prison…it was so difficult… the experience for teenagers is so dangerous and you’re inside a prison. There’s no friends or family and you feel so bored inside, it’s so difficult.” A lawyer for the Greek Council for Refugees says that while there is a general recommendation that minors shouldn’t be detained, when minors enter Greece ‘illegally’ they are detained: “Since there is no prohibition of detention, they do not have a problem to detain.”


ABASSI'S STORY OF DETENTION IN GREECE


Abassi thought his football dreams could come true in Europe. Instead, at 17, the Nigerian found himself detained with 170 others in cramped conditions in Mytilini in Greece. For 25 days he remained locked up, and the pain is still being felt.



Teenage Somali Refugee Aims to Become a Hip Hop Superstar







il Falco e il bambino di Alessandra Ballerini

- La storia di Oman, tredicenne eritreo ora a Lampedusa

Osman, nome fittizio, ha tredici anni ed è uno dei centinaia di minori stranieri non accompagnati che vengono «ospitati» nella ex base Loran a Lampedusa o nel Cara di contrada Imbriacola. La sua è una storia emblematica, che abbiamo raccolto tra le...continua


- Accoglienza, tutela e partecipazione dei minori stranieri dal punto di vista dei ragazzi e delle ragazze.
Un percorso di consultazione promosso da Save the Children Italia per conto del Garante dei Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza della Regione Lazio.

PAURISMO E ALTRE STORIE pt.1

PAURISMO E ALTRE STORIE pt.2
 
PAURISMO E ALTRE STORIE pt.3
PAURISMO E ALTRE STORIE pt.4
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

 

Minori Stranieri Non Accompagnati © 2015 - Designed by Templateism.com, Plugins By MyBloggerLab.com